Paura in pieno centro a Reggio Emilia, quando alle 23.30 di ieri sono stati esplosi alcuni colpi di pistola in piazza del Monte. Tre giovani sono rimasti feriti: uno grave è stato portato d’urgenza all’ospedale Santa Maria Nuova. Ad aprire il fuoco, ha reso noto la polizia, è stato un cittadino italiano residente in città, con precedenti per stalking. La sparatoria sarebbe nata da una lite per futili motivi. Il responsabile, dopo aver eploso otto colpi, è fuggito facendo perdere le proprie tracce, mentre la folla presente in piazza ha cominciato a scappare in ogni direzione. Poche ore dopo la polizia della Squadra mobile lo ha arrestato, grazie alle testimonianze e ai filmati del sistema di videosorveglianza, e ha posto sotto sequestro l’arma utilizzata, che risulta essere rubata in seguito a un furto in un’abitazione a Reggio Calabria: si tratta di una Beretta 6,35.

Secondo quanto riferito dagli inquirenti, si sono fronteggiate bande di ragazzi, in mezzo alla gente spaventata. Il ventenne è l’unico ricoverato in ospedale, in Rianimazione. Non sarebbe comunque in pericolo di vita: in giornata dovrebbe essere trasferito in un reparto di minore intensità e sarà sciolta la prognosi.

Video Facebook/Lucia Borgonzoni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Tar dà di nuovo ragione al Piemonte sulla misurazione della temperatura anche a scuola. “Improcedibile” il ricorso del governo

next
Articolo Successivo

Massimo Giannini in terapia intensiva, il suo racconto: “Il Covid non si ferma mai e si infila negli interstizi polmonari”

next