Paura in pieno centro a Reggio Emilia, quando alle 23.30 di ieri sono stati esplosi alcuni colpi di pistola in piazza del Monte. Tre giovani sono rimasti feriti: uno grave è stato portato d’urgenza all’ospedale Santa Maria Nuova. Ad aprire il fuoco, ha reso noto la polizia, è stato un cittadino italiano residente in città, con precedenti per stalking. La sparatoria sarebbe nata da una lite per futili motivi. Il responsabile, dopo aver eploso otto colpi, è fuggito facendo perdere le proprie tracce, mentre la folla presente in piazza ha cominciato a scappare in ogni direzione. Poche ore dopo la polizia della Squadra mobile lo ha arrestato, grazie alle testimonianze e ai filmati del sistema di videosorveglianza, e ha posto sotto sequestro l’arma utilizzata, che risulta essere rubata in seguito a un furto in un’abitazione a Reggio Calabria: si tratta di una Beretta 6,35.

Secondo quanto riferito dagli inquirenti, si sono fronteggiate bande di ragazzi, in mezzo alla gente spaventata. Il ventenne è l’unico ricoverato in ospedale, in Rianimazione. Non sarebbe comunque in pericolo di vita: in giornata dovrebbe essere trasferito in un reparto di minore intensità e sarà sciolta la prognosi.

Video Facebook/Lucia Borgonzoni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Tar dà di nuovo ragione al Piemonte sulla misurazione della temperatura anche a scuola. “Improcedibile” il ricorso del governo

next
Articolo Successivo

Massimo Giannini in terapia intensiva, il suo racconto: “Il Covid non si ferma mai e si infila negli interstizi polmonari”

next