Migliaia di persone si sono radunate nel centro di Parigi per rendere omaggio all’insegnante ucciso e decapitato due giorni fa, dopo aver mostrato ai suoi allievi alcune vignette del profeta Maometto. I manifestanti hanno tenuto mostrato cartelli che dichiaravano: “No al totalitarismo del pensiero” e “io sono un insegnante” in memoria della vittima Samuel Paty. L’insegnante è stato ucciso da uno 18enne ceceno, dopo aver mostrato alcune vignette che rappresentavano il profeta islamico Maometto durante una lezione sulla libertà d’espressione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bielorussia, in migliaia sfilano a Minsk contro Lukashenko: è il decimo fine settimana consecutivo di proteste – FOTO

next
Articolo Successivo

“Je suis Samuel”: la Francia ricorda il prof decapitato. Sit-in per la libertà d’espressione tra rabbia e lacrime – FOTO

next