Migliaia di persone si sono radunate nel centro di Parigi per rendere omaggio all’insegnante ucciso e decapitato due giorni fa, dopo aver mostrato ai suoi allievi alcune vignette del profeta Maometto. I manifestanti hanno tenuto mostrato cartelli che dichiaravano: “No al totalitarismo del pensiero” e “io sono un insegnante” in memoria della vittima Samuel Paty. L’insegnante è stato ucciso da uno 18enne ceceno, dopo aver mostrato alcune vignette che rappresentavano il profeta islamico Maometto durante una lezione sulla libertà d’espressione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bielorussia, in migliaia sfilano a Minsk contro Lukashenko: è il decimo fine settimana consecutivo di proteste – FOTO

next
Articolo Successivo

“Je suis Samuel”: la Francia ricorda il prof decapitato. Sit-in per la libertà d’espressione tra rabbia e lacrime – FOTO

next