Migliaia di persone si sono radunate nel centro di Parigi per rendere omaggio all’insegnante ucciso e decapitato due giorni fa, dopo aver mostrato ai suoi allievi alcune vignette del profeta Maometto. I manifestanti hanno tenuto mostrato cartelli che dichiaravano: “No al totalitarismo del pensiero” e “io sono un insegnante” in memoria della vittima Samuel Paty. L’insegnante è stato ucciso da uno 18enne ceceno, dopo aver mostrato alcune vignette che rappresentavano il profeta islamico Maometto durante una lezione sulla libertà d’espressione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bielorussia, in migliaia sfilano a Minsk contro Lukashenko: è il decimo fine settimana consecutivo di proteste – FOTO

next
Articolo Successivo

“Je suis Samuel”: la Francia ricorda il prof decapitato. Sit-in per la libertà d’espressione tra rabbia e lacrime – FOTO

next