Carlotta Benusiglio, stilista 37enne, fu trovata impiccata a un albero di piazza Napoli, a Milano, nella notte tra il 30 e il 31 maggio 2016. E se il 15 ottobre la Procura di Milano aveva chiuso le indagini con l’accusa di omicidio volontario a carico dell’ex fidanzato Marco Venturi che “simulato l’impiccagione per futili motivi, con dolo d’impeto, stringendole al collo una sciarpa oppure il proprio braccio”, ora il tribunale del Riesame ribalta tutto. “Il tribunale ritiene che non vi siano gravi indizi di colpevolezza a carico” di Marco Venturi, “avendo gli elementi acquisiti accertato – con un grado di rilevante probabilità – che la morte ” di Carlotta Benusiglio “sia avvenuta per suicidio”. Ecco le conclusioni a cui sono arrivati i giudici del Riesame di Milano nel confermare il provvedimento con cui il gip lo scorso marzo ha rigettato la richiesta firmata dal pm Gianfranco Gallo di arresto del fidanzato della stilista milanese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonio De Marco, la strategia del giudice durante l’interrogatorio: la scuola, i libri e il film preferito, poi lo ha incalzato sull’omicidio

next
Articolo Successivo

Pestaggio di Lanciano, cinque ragazzi individuati dai carabinieri. “Tredicenne ha sferrato il pugno al 18enne finito in coma”

next