Un aumento di casi che sta diventando incontrollato perché il primo argine, quello del tracciamento, sembra ormai non reggere più. Con gli oltre 8mila positivi al coronavirus accertati solo nella giornata di giovedì, ricostruire la catena del contagio diventa una missione quasi impossibile. Visto che, svela il Sole 24 Ore citando dati riservati dell’Istituto superiore di Sanità, nelle Regioni attualmente ci sono solo 9mila “tracciatori”. Sono le persone che devono chiamare, registrare ed eventualmente mettere in isolamento gli oltre 100mila contatti a rischio che emergono ogni giorno.

Il governo aveva fissato l’obiettivo di avere almeno un tracciatore ogni 10mila abitanti. Una soglia minima, fissata in primavera: passati i mesi estivi, però, le Regioni non hanno implementato le risorse umane da mettere a disposizioni del tracciamento. A 8 mesi dall’emergenza, stando ai dati in mano all’Iss, in Abruzzo, Calabriba e Friuli non è stata raggiunta nemmeno la soglia stabilita dal governo. La migliore di tutte, scrive il Sole 24 Ore, è la Basilicata con 7,6 tracciatori ogni 10mila abitanti. Sono comunque numeri attualmente insufficienti. Eppure con il decreto rilancio a maggio scorso erano stati stanziati i soldi per le assunzioni, proprio in previsione della seconda ondata. Il risultato pratico è un aumento di 275 tracciatori da giugno a ottobre.

In questo contesto si inserisce il caso della Lombardia, che dal governo ha ricevuto 202 milioni per assumere personale. Se sul fronte della terapia intensiva la situazione è migliorata, con 1800 posti letto potenzialmente a disposizione, la medicina territoriale è rimasta il tallone d’Achille. Riemergono gli stessi problemi del marzo scorso: mancano spazi dove mettere in quarantena i positivi che non hanno bisogno di cure ma che non hanno la possibilità di isolarsi nelle loro case. Inoltre, tra Milano e hinterland, c’è ancora carenza di medici Usca e infermieri a domicilio. Chi va nelle case ad assistere i malati? Secondo i dati del Sole 24 Ore, solo nella città metropolitana mancano 130 medici e 520 infermieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Rezza (Iss): “Rt significativamente superiore a 1, evitare aggregazioni ed eventi sia pubblici che privati”

next
Articolo Successivo

Caso Shalabayeva, i poliziotti Cortese e Improta destinati ad altri incarichi dopo la condanna di primo grado

next