Sono circa 180mila i lavoratori particolarmente vulnerabili, soggetti a fenomeni di sfruttamento e caporalato in agricoltura. Un quadro peggiorato con l’emergenza Covid-19. A fotografare questi numeri è il V Rapporto Agromafie e Caporalato, curato dall’Osservatorio Placido Rizzotto/FLAI CGIL, in merito allo sfruttamento lavorativo nel settore agro-alimentare. Un fenomeno che, spiega il sindacato, “non è più soltanto circoscritto nel Meridione, ma che interessa l’intero Paese, come dimostrano le inchieste e le operazioni delle forze di polizia e della Guardia di finanza”. Secondo la Flai Cgil per combattere il caporalato e le agromafie, c’è bisogno di rendere effettivo e applicabile l’impianto normativo: “La legge attuale va bene, ma servono maggiori controlli, sono diminuiti del 33%. E c’è bisogno di strappare dalle mani dei caporali il trasporto e il controllo dei lavoratori e sanzionare le imprese che si servono dei caporali”, rilancia il segretario Flai Cgil Giovanni Minnini.
“Pensavamo che l’ultima regolarizzazione del governo potesse riuscire ad assorbire il numero dei soggetti vulnerabili, ma non è stato così”, continua Minnini. Il motivo? “È stata un’occasione sprecata, serviva più coraggio”, spiega. “Siamo stati costretti a una mediazione, ora bisogna andare oltre”, si difende la ministra delle Politiche agricole, la renziana Teresa Bellanova.
Alla base resta un problema di fondo, secondo il sindacato: “Va cancellata la legge Bossi-Fini”. E ancora: “Alle pratiche di sfruttamento vanno contrapposti i diritti dei lavoratori, diritti che vanno tutelati e garantiti a prescindere dalla nazionalità delle maestranze”, segnala quindi il rapporto. “La cittadinanza dei lavoratori è motivo sovente di forti criticità: da una parte l’impianto iniquo della legge Bossi-Fini, dall’altra, i decreti Salvini, focalizzati ossessivamente sul discutibile accostamento in termini securitari tra dell’immigrazione e criminalità”, si legge. “Bisogna permettere all’immigrato irregolare di poter denunciare, non mettere al centro l’impresa”, spiega ancora Minnini.
Se la modifica dei due decreti Salvini, dopo l’approvazione in Consiglio dei ministri, dovrà ora passare dal Parlamento, sia dal Pd che da Italia Viva ora si spinge verso la cancellazione della Bossi-Fini e verso il tema della cittadinanza, rilanciando almeno sullo ius culturae, al di là della divisione all’interno della maggioranza.
“La Bossi-Fini è una legge sbagliata e vecchia. Intanto convertiamo i decreti che modificano quelli di Salvini, poi ci sarà la necessità di intervenire, anche sulla cittadinanza”, rilancia pure il viceministro dell’Interno, Matteo Mauri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Blocco licenziamenti, governo lavora a una proroga per le imprese che ricorrono alla Cassa integrazione Covid o decontribuzione

next
Articolo Successivo

A 50 anni dalla rivolta operaia le fabbriche non esistono più, lo sfruttamento invece è brutale

next