ASRock ha da poco annunciato l’arrivo sul mercato dei suoi nuovi mini PC iBOX, dotati di processori Intel Core di undicesima generazione, vale a dire la più recente in assoluto. I nuovi ASRock iBOX serie 1100 sono dedicati alla creazione e alla fruizione di contenuti multimediali, oltre ad essere adatti a brevi sessioni di gaming leggero. Sei sono i modelli: è possibile scegliere tra i processori Intel Core i7-1165G7, i5-1135G o i3-1115G4, con i primi due modelli che sono dotati di 4 core mentre Core i3 ne ha la metà ed è più adatto ai carichi di lavoro meno esigenti di risorse.

I mini PC iBOX inoltre si dividono in versioni raffreddate attivamente tramite ventole e versioni con raffreddamento passivo: le differenze tra le due varianti sono probabilmente da ricercare nella potenza dei processori e, di conseguenza, nel calore prodotto.

Per quanto riguarda la memoria di sistema, Gli iBOX supportano un massimo di due banchi di memoria RAM da 32 GB ciascuno, per un totale di 64 GB, mentre sulla scheda madre è presente un singolo slot M.2 e una sola porta SATA 3, per cui è possibile utilizzare un massimo di due unità a stato solido, o di un’architettura ibrida con un hard disk tradizionale e un SSD.

Per quanto riguarda il parco porte infine, troviamo sul retro due porte USB 3.2 Gen 2 Tipo-A, una porta HDMI 2.0a, una DisplayPort 1.4 e due porte Ethernet, una da 1 Gbps e l’altra da 2,5 Gbps. Nella parte frontale sono ospitate invece tre porte USB 3.2 Gen 2 di cui due di Tipo-C e in grado di funzionare come output per display con lo standard DisplayPort 1.4. Grazie alla grafica Intel Xe integrata nelle CPU Intel è possibile collegare tutte e quattro le uscite video in contemporanea. Purtroppo ASRock non ha ancora annunciato prezzi e disponibilità per le sue iBOX serie 1100.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Samsung Galaxy A30s, smartphone economico in offerta su Amazon con 80 euro di sconto

next