Volete conoscere la distanza che separa l’apparenza dalla realtà? Il vero dal falso? Volete capire come si gonfia l’emozione e come si perde la ragione? Allora fate questo test. Rispondete, prima di leggere le ulteriori righe dell’articolo, alla seguente domanda: secondo voi chi fa l’affare ad avere i migranti in casa? Quelli che fuggono (da guerre, fame, etc) e trovano una casa e un lavoro o lo Stato che li accoglie? Avete risposto?

Ora proseguite nella lettura.

Domani 14 ottobre sarà pubblico il decimo rapporto annuale sull’economia dell’immigrazione ad opera della Fondazione Leone Moressa, la più accreditata nell’indagine dell’universo migratorio in Italia, anticipato su Repubblica da Vladimiro Polchi. I dati sono a consuntivo e si riferiscono all’anno 2018.

  1. a) I contribuenti nati all’estero sono 4,13 milioni e hanno versato nell’anno 2018 Irpef per 8,44 miliardi di euro
  2. b) Di questi, con cittadinanza straniera, sono invece 2,29 milioni e hanno dichiarato redditi per 29 miliardi e versato 3,66 miliardi di Irpef più 3,3 miliardi di imposte indirette (il 3% del totale dell’Iva)
  3. c) Hanno versato 3,6 miliardi per le imposte sui tabacchi, rifiuti, lotterie, tasse auto, accise sui carburanti, canone tv
  4. d) Hanno versato 1,6 miliardi per Imu, Tasi, imposte su gas e luce
  5. e) Hanno versato 220 milioni di euro (anche la burocrazia si fa pagare) per diritti di segreteria riferiti alle domande per l’acquisizione della cittadinanza e il rilascio dei permessi di soggiorno
  6. f)Hanno versato 13,9 miliardi di euro per contributi previdenziali e sociali.
  7. g)Il gettito fiscale più i contributi dei residenti con cittadinanza straniera ammonta dunque a 26,6 miliardi di euro.

Ora però vediamo quanto lo Stato paga per i servizi da offrire a costoro

  1. a) Sanità 5,6 miliardi di euro
  2. b)Scuola 5,6 miliardi di euro
  3. c)Giustizia e Sicurezza 3,4 miliardi di euro
  4. d)Accoglienza e controlli in mare 3,3 miliardi di euro
  5. e)Servizi sociali (cassa integrazione e pensioni) 6,8 miliardi di euro.
  6. f)Il costo totale dei servizi erogati ai residenti con cittadinanza straniera è pari a 26,1 miliardi di euro, circa il 3 per cento della spesa pubblica.

Il saldo attivo tra quanto le casse pubbliche ricevono e ciò che erogano è pari a 500 milioni di euro l’anno.

Mezzo miliardo in cassa. Non male, vero? E allora: prima gli italiani!

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cimitero dei feti. Riquadro 108, fila 19, fossa 36: dov’è sepolta la nostra stessa civiltà

next
Articolo Successivo

Finisce la stagione dei sussidi a pioggia. Gli esercenti chiusi? Un’idea per il ministro dell’Economia

next