La scuola in presenza non può essere sostituita, ma la didattica a distanza ha ancora troppi limiti. In un momento in cui torna in campo l’idea di fare lezioni online per gli studenti delle superiori, arriva la stroncatura da parte degli insegnanti. A dirlo è l’inchiesta promossa e condotta dalla Flc Cgil in collaborazione con la Fondazione “Giuseppe Di Vittorio”, l’Università di Roma Sapienza e l’Università di Teramo, presentata oggi a Roma. Per il 76,6% degli insegnanti intervistati, infatti, la didattica in presenza è insostituibile e quella a distanza può essere solo una soluzione temporanea.

Secondo la fotografia scattata durante il lockdown l’uso della didattica a distanza ha peggiorato le condizioni di lavoro anziché migliorarle e ha messo a dura prova i docenti che hanno dovuto usare i propri dispositivi (spesso non sufficienti in famiglia) per raggiungere gli studenti. E poi ci sono gli effetti della dad sui ragazzi: meno di un terzo degli insegnanti intervistati (30,4%) raggiunge, con la didattica a distanza, tutti gli studenti della sua classe. L’unico aspetto positivo sembra essere quello legato alle piattaforme delle scuole, promosse dalla maggior parte dei maestri e professori.

A preoccupare il sindacato è soprattutto la questione del carico di lavoro: “Per circa due docenti su tre (64,7%) – cita la ricerca – è aumentato in modo rilevante in seguito al passaggio alla didattica a distanza. Tra le lavoratrici, si registra un aumento dei carichi di lavoro maggiore rispetto alla platea maschile”. Per quanto riguarda la formazione è stata a macchia di leopardo: nel 62,5% dei casi sono state attivate delle iniziative per sostenere i docenti nell’acquisizione delle competenze necessarie per la didattica a distanza, con delle carenze maggiori che sono emerse tra i docenti della scuola primaria (il 44,5% non ha ricevuto una formazione specifica).

Problemi anche per quanto riguarda l’uso dei dispositivi necessari a fare italiano e matematica in Rete. Secondo i numeri della Flc Cgil “più di otto insegnanti intervistati su dieci (83,3%) usano per la didattica a distanza un proprio dispositivo, non condiviso con altri membri della famiglia”.

I docenti salvano le piattaforme utilizzate dalla scuola giudicate poco o per nulla adeguate solo dal 21,4% dei docenti, abbastanza adeguata per il 57,5% e del tutto adeguata per il 21,1%. A proposito di computer e tablet la stragrande maggioranza del campione (84,1%) ha utilizzato video/audio lezioni in streaming. Significative sono però le differenze in base al grado scolastico: l’uso di video/audio lezioni in streaming prevale tra gli insegnanti delle scuole secondarie, soprattutto tra quelli delle secondarie di secondo grado (licei: 93,4%; non licei 87,4%).

Infine l’inchiesta punta la lente d’ingrandimento sugli effetti della dad sugli alunni: i problemi si sono manifestati più nel Mezzogiorno, dove la percentuale di insegnanti che dichiarano di riuscire a raggiungere tutti gli studenti della propria classe è del 24,2%, 23,7% nelle Isole. Maestri e professori non sono riusciti a fare lezione online per problemi di adeguatezza dei dispositivi da parte delle famiglie degli studenti, ma anche per difficoltà legate a fattori organizzativi: dall’infrastruttura tecnologica messa a disposizione dalla scuola e dal coordinamento interno, con il dirigente e con i colleghi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Didattica a distanza, poniamoci un obiettivo realistico: rientrare in classe a settembre 2021

next
Articolo Successivo

Giudizi descrittivi alla scuola primaria e non più voti numerici: come cambia la pagella dopo l’approvazione del decreto Agosto

next