Polizia e i vigili del Fuoco sono entrati poco dopo mezzanotte. E nelle sale dell’Oxigen di Villorba, in provincia di Treviso, quando hanno fermato la musica e acceso le luci, hanno trovato circa 500 giovani, età media 20 anni, che stavano passando la sera in pista e nella terrazza senza rispettare il distanziamento di un metro e con poche mascherine. Non solo: la festa era abusiva in quanto il locale ha solo la licenza per somministrazione di bevande e non per il ballo.

Così è scattata la chiusura mentre al gestore è stata comminata una sanzione di 20mila euro e una denuncia penale. Il blitz è scattato poco dopo mezzanotte e gli agenti, secondo la questura, si sono trovati di fronte ad una situazione di notevole pericolo sia dal punto di vista sanitario che di pubblica sicurezza, a causa del sovraffollamento di avventori rispetto all’effettiva capacità del locale e all’accertata inidoneità strutturale.

Diverse anche le inadempienze delle norme in materia di sicurezza e antincendio in quanto il locale presentava estintori non revisionati e uscite di sicurezza e vie di fuga ostruite. Il locale era già stato chiuso lo scorso anno per lo stesso motivo, quando la polizia è intervenuta mentre era in corso una festa pur non avendo alcuna licenza che lo consentisse. Peraltro il locale, al fine di poter accogliere un numero sempre più maggiore di clienti, aveva attrezzato una terrazza, nell’area esterna, in difetto di concessioni e di rilevazioni tecniche, per somministrare le bevande.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maria Paola Gaglione, fiaccolata a Caivano in ricordo della 18enne. Il messaggio del fidanzato Ciro: “Credevamo in un mondo migliore”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, quattro guardie svizzere positive in Vaticano: in arrivo il divieto di congedo per tutto il corpo

next