Avrebbero dichiarato il falso per ottenere i “buoni spesa Covid-19″, senza averne i requisiti, truffando così lo Stato: per questo motivo 86 persone sono state denunciate all’autorità giudiziaria dai carabinieri della compagnia di Taurianova (Reggio Calabria). Gli investigatori, nell’ambito dell’operazione di controllo “Dike 2”, hanno verificato la destinazione dei buoni, che variano dai 100 ai 600 euro, accertando una serie di irregolarità a carico di 86 cittadini – 61 nel comune di Taurianova e 14 nel comune di Molochio – con un danno erariale complessivo di circa 25mila euro, che è stato segnalato alla Procura di Palmi, diretta da Ottavio Sferlazza.

Le principali violazioni emerse riguardano da un lato la falsa attestazione sulla residenza e l’indicazione del numero dei componenti del nucleo famigliare, dal momento che l’elargizione è anche connessa all’effettivo stato di bisogno della famiglia, dall’altro l’omessa o falsa indicazione di ricevere, nel medesimo periodo, altri sussidi sociali, come la disoccupazione, periodi retribuiti di malattia dei braccianti agricoli, pensioni di invalidità e anche l’indennità di maternità e lo stesso reddito di cittadinanza.

I “buoni spesa Covid-19” sono gli aiuti economici che il governo ha introdotto per il periodo di emergenza sanitaria e sono erogati direttamente dai Comuni alle persone e alle famiglie in difficoltà economica per acquistare alimenti, farmaci e altri beni di prima necessità. L’operazione “Dike 2” che ha fatto emergere questa situazione, è la stessa che a maggio scorso sempre a Reggio Calabria denunciò irregolarità per la percezione del reddito di cittadinanza.

Foto di archivio

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Becciu è il malfattore, il Papa l’innocente tradito. Ho il sospetto che la realtà sia un po’ diversa

next
Articolo Successivo

Maria Paola Gaglione, fiaccolata a Caivano in ricordo della 18enne. Il messaggio del fidanzato Ciro: “Credevamo in un mondo migliore”

next