L’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) non ha concesso l’autorizzazione regolatoria al lotto di 100mila vaccini antinfluenzali forniti dalla società cinese Life On nell’ambito dell’ultima gara effettuata in Lombardia per un totale di 500mila vaccini. Le dosi quindi non sono utilizzabili nel nostro Paese: “L’ennesimo fatto grave in una vicenda in cui la Regione Lombardia ha dato il peggio di sé“, dichiara il capodelegazione del Pd in commissione sanità del Consiglio regionale, Samuele Astuti. “È la conferma che Aria (Azienda regionale per l’innovazione e gli acquisti, ndr) non funziona e che in Regione la mano destra non sa cosa fa quella sinistra”, dichiara Marco Fumagalli, capogruppo del M5s in Consiglio regionale.

Non verrà acquisito, e quindi distribuito, alcun vaccino che non abbia ottenuto le autorizzazioni previste dalla legge e superato le conseguenti scrupolose verifiche”, scrive in una nota Aria, la centrale acquisti della Regione Lombardia. Per quanto riguarda le 100mila dosi di Life On, “si sottolinea che Aria ne ha determinato l’assegnazione subordinandone tuttavia l’efficacia giuridica a seguito dell’avvenuta Aic (Autorizzazione per l’immissione in commercio) per l’Italia da parte di Aifa, l’Agenzia Italiana del Farmaco”. “Fino a quel momento – si legge ancora – non ci sarà alcun acquisto né alcuna forma di pagamento da parte dell’istituzione regionale. Tutto questo non pregiudica la campagna vaccinale antinfluenzale in quanto le dosi già acquisite da Regione Lombardia nel corso dei mesi ammontano a 2,9 milioni di unità“.

Ieri, venerdì, la Procura di Milano ha aperto un’indagine conoscitiva sull’acquisto di vaccini antinfluenzali da parte di Regione Lombardia a prezzo superiore rispetto a quello di mercato. Nei giorni scorsi è emerso prima che una gara per 1,5 milioni di dosi non è stata aggiudicata nonostante un prezzo doppio rispetto ai primi bandi e la promessa di un pagamento anticipato da 15 milioni di euro. E in seguito un’ultima gara lampo, la decima, ha consentito alla Regione di trovare appunto 500mila dosi, di cui 100mila a 11 euro l’una e 400mila a 26 euro l’una, a un prezzo cinque volte maggiore delle prime aggiudicazioni. Oggi la notizia, anticipata da La7 e dall’Agi, che le 100mila dosi non hanno il certificato dell’Aifa.

“L’assenza di quel quantitativo porterebbe la Regione vicinissima al limite inferiore della copertura delle categorie più fragili ed esposte, lasciando del tutto scoperte intere fasce di popolazione che, invece, sarebbe importante che si vaccinassero contro l’influenza, come raccomandato dal ministero della salute e da tutti gli organismi competenti nella lotta al Sars-Cov-2″, sottolinea il consigliere Pd Astuti. Mentre il suo collega M5s Fumagalli sottolinea che “il coordinamento dovrebbe essere di Ats Lombardia che nelle rispettive competenze di Aria e Fondazione biomedica cerca di programmare nel migliore dei modi l’attività. Mi auguro che al più presto Regione Lombardia si possa dotare di una organizzazione all’altezza della situazione”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Boom di download per Immuni, l’app supera gli 8 milioni: 1,4 solo nell’ultima settimana. Pisano: “Fieri della tecnologia”

next
Articolo Successivo

Sanità territoriale, l’appello di 500 medici e infermieri bergamaschi: “Per il secondo picco di contagi siamo ancora impreparati, serve riforma”

next