di Stefano Virgilio

Ci sono alcune cose che mi piacerebbe chiedere alla ex senatrice – e da lunedì anche ex leghistaAngela Maraventano, salita recentemente agli onori della cronaca per aver parlato della “nostra mafia che non difende più il territorio”, quella che aveva “una sensibilità”, precisando (dopo essersi dimessa per il vespaio che le sue parole hanno suscitato) che “la nostra mafia l’abbiamo eliminata definitivamente, non esiste più nel nostro paese, in Sicilia, e questo è stato possibile grazie al centrodestra, grazie a ministri come Maroni, il problema è ora che in questo vuoto, si sono inserite le mafie degli altri, a cominciare dai tunisini”, aggiungendo infine “non capisco le polemiche”.

Innanzitutto, mi piacerebbe sapere cosa intende per “eliminata definitivamente” (in Sicilia ne sentiamo parlare ancora e anche abbastanza spesso: dobbiamo sempre precisare che si tratta di “mafia africana”?).

In secondo luogo, le chiederei se per caso ha mai avuto modo di comunicare alle famiglie delle vittime della mafia che alcuni governi di centro-destra hanno realizzato la missione per la quale i loro cari si sono fatti trucidare (lo diceva, Giovanni Falcone: la mafia, come fatto umano, avrà una fine, e ci sembrava una frase troppo ottimistica…); nel caso, sarebbe interessante sapere cosa le hanno risposto.

In terzo luogo, sarei curioso di avere una sua opinione in merito alla presenza della mafia nel resto d’Italia (permane? Ovunque? È anche italiana o solo straniera?).

Infine, le chiederei di spiegarmi cosa intende con “mafia sensibile”, perché ammetto che a me quest’espressione pare una sorta di ossimoro e preferisco non rischiare di fraintenderla.

Per ringraziarla delle sue risposte, temo di non poter fare di più che consigliare alla consigliera di informarsi sul perché le sue parole abbiano suscitato così tante polemiche: se si rivolge a chi opera nel campo dell’antimafia (italiana o straniera che sia) sono sicuro che riceverà chiarimenti illuminanti. Grazie.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, Sgarbi insiste: “Il confinamento degli asintomatici è fascismo”. Ma dimentica che possono diffondere il contagio

next