“Il Piemonte è fortemente colpito da un’emergenza che è arrivata a ottobre, mentre noi siamo abituati a novembre. Se non interveniamo subito a novembre rischiamo una situazione ancora più grave. Ho appena finito una telefonata con il presidente Conte, domani trasmetterò al ministro Lamorgese un documento dei sindaci con la prima stima di danni. Aspettiamo la dichiarazione dello stato di emergenza che ci darà i poteri e le risorse per intervenire”. Così Alberto Cirio, governatore del Piemonte, a Vercelli per un sopralluogo dei danni causati dal maltempo. E risponde al ministro Costa: “I soldi i sindaci qui li hanno spesi tutti e bene, il ministro Costa quando afferma che è colpa dei Comuni dice una cosa non vera: lo invito a venire qui in Piemonte coi nostri sindaci che hanno il fango fino alle ginocchia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Galli e Crisanti sull’ipotesi di mascherine anche all’aperto: “Obbligo incomprensibile se intorno non c’è nessuno”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “coprifuoco” in Campania: locali chiusi alle 23 dalla domenica al giovedì

next