“Se avessimo aperto le scuole ad agosto, quando i numeri stavano salendo, ci sarebbe stato qualcuno pronto a dare lo stesso erroneo giudizio. Il problema non è la scuola, ma ciò che avviene fuori. Per questo vorrei fare un appello ai ragazzi: rispettino le regole anche quando escono dai loro istituti”. Così la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina nel corso di un’intervista alla Stampa.

“Abbiamo milioni di studenti e migliaia di istituti. Dobbiamo confrontare i nostri dati con quelli delle Asl e il primo bilancio serio arriverà a metà ottobre, ma stiamo monitorando la situazione e i contagi registrati a scuola sono molto bassi: si parla dello zero virgola”, sottolinea Azzolina a proposito dei numeri che parlano di oltre 1.200 positivi nelle scuole dalla riapertura ad oggi, con 900 istituti interessati e 130 che hanno già chiuso i battenti. Sulle chiusure a macchia di leopardo nelle zone più colpite dal virus, spiega: “Sono i Comuni o le Asl a decidere se chiudere un istituto. L’importante è che non si proceda senza criterio. Abbiamo dei protocolli ed è fondamentale che siano rispettati in modo omogeneo su tutto il territorio”.

La ministra in ogni caso liquida le critiche dicendo: “Non ricordo un anno scolastico partito senza che ci fossero disagi. Questo poi è un anno particolare. Mi auguro però che il dibattito sulla scuola prosegua. E che diventi costruttivo. Finora è stato strumentalizzato“. La scuola, assicura, rimarrà comunque aperta: “Abbiamo lavorato tutta l’estate anche per evitare di doverle richiudere. Gli istituti sono più pronti alla didattica a distanza e siamo gli unici in Europa a distribuire nelle scuole mascherine e gel disinfettante“. Sull’uso delle mascherine, Azzolina ribadisce che “se c’è il metro di distanza, al banco si può tenere abbassata. Serviranno invece i test rapidi salivari, per dare maggiore serenità a famiglie e personale. Il ministero della Salute credo stia lavorando in questa direzione”.

Per quel che riguarda i fondi in arrivo dall’Europa, la ministra pensa che “una parte sostanziosa dovrà andare all’edilizia scolastica. A questa si deve affiancare la formazione permanente del personale scolastico. La digitalizzazione, anche nella formazione, sarà un altro tassello importante e dobbiamo infine valorizzare gli istituti tecnici“. Intanto c’è la legge di Bilancio e Azzolina intende intervenire “su due capitoli: le classi sovraffollate e gli insegnanti di sostegno“.

Quanto al caos nel Movimento 5 Stelle, Azzolina si limita a dire: “Il dibattito è teso, difficile, ma credo sia positivo se serve a darci un’agenda che guardi ai prossimi dieci anni”. Come ha preso le parole di Di Battista? “Normale che si prenda posizione se si parla di valori, e Alessandro sta parlando di questo. Troveremo una sintesi. Ci vuole un po’ di pazienza”.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Io vuole imparare italiano bene”. Ecco la vignetta “dello scandalo” contestualizzata nell’intero libro: che educa all’inclusione

next
Articolo Successivo

San Francesco ha preso decisioni difficili per vivere meglio: anche noi possiamo dare l’esempio

next