La vicenda del finanziamento da 6 milioni della Regione Sardegna alla società Tursport e bloccato in extremis, raccontato da uno scoop del Fatto.it, è finito al centro di un’indagine della Procura di Cagliari, come riporta l’Unione Sarda. Gli accertamenti dei pm si concentreranno in particolar modo sui motivi che hanno spinto l’assessore al Turismo Gianni Chessa ad accordare lo stanziamento da 5,7 milioni in favore di una società che, come ha lui stesso raccontato al Fatto.it, non conosceva: “I responsabili della società sono venuti da me e mi hanno proposto il progetto. Non li conosco, non so chi siano quelli che si sono presentati da me. Ma è una società di eventi, con lo statuto. Diciamo che io i soldi li ho fatti stanziare e sulla fiducia do loro la possibilità di bloccare, di prenotare gli eventi”.

Gli inquirenti ipotizzano il reato di abuso d’ufficio, nonostante lo stesso Chessa a metà settembre, quando il caso era ormai diventato di dominio pubblico, abbia sospeso l’esborso e oggi sottolinea: “I soldi non sono stati impegnati né usati, ma credo sia giusto fare controlli se si ritiene che sia necessario. Sono tranquillo“.

La Tursport è una società che avrebbe dovuto organizzare eventi sportivi anche grazie ai finanziamenti provenienti dalla cura “Salva imprese” pensata dalla giunta del governatore Christian Solinas. Ma, come ha successivamente ammesso anche Alessandro Nuccorini, ex ct della Nazionale di calcio a 5 e vicepresidente di TurSport Sardegna, “quando l’assessore dice che non conosce il calendario degli eventi è plausibile, ad oggi non lo conosciamo neanche noi”. Troppo poco, secondo i pm, per giustificare un esborso ‘al buio’ da quasi 6 milioni di euro.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aggressione a Piero Longo, la coppia prova a difendersi: “E’ lui che ci ha affrontato con la pistola”. Il gip dispone l’obbligo di dimora

next
Articolo Successivo

Movida e risse, verso norma Willy: daspo dai locali pubblici per chi è stato denunciato o condannato per violenza

next