“L’attesa è stressante. Sono cinque anni che continuiamo a chiedere giustizia per Marco, speriamo che oggi finalmente ci sia un segnale di giustizia”. Così Marina Conte, la madre di Marco Vannini, il 20 enne morto nella notte tra il 17 e il 18 maggio 2015 mentre si trovava nella villetta della sua fidanzata Martina a Ladispoli dopo essere stato attinto da un colpo di pistola. “Ci sarà di nuovo una Cassazione, fino a quel momento non bisogna mai mollare. Quindi giustizia per Marco”, dice affiancata dal marito Valerio Vannini entrando nella città giudiziaria per la sentenza d’appello bis. “14 anni per tutti per concorso? Tutti hanno partecipato? È quello che noi abbiamo sempre sostenuto. Un ragazzo attinto da un colpo di arma da fuoco, fin dai primi momenti inizia a urlare”, afferma. A piazzale Clodio, intanto si sono radunati gli amici, i parenti e i semplici sostenitori della causa Vannini. In tanti hanno portato dei girasoli: “Era il fiore preferito di Marco”, spiegano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lampedusa, la Guardia di finanza insegue un peschereccio tunisino e apre il fuoco: il video

next
Articolo Successivo

Aurelio Visalli non è morto annegato: l’autopsia parla di shock traumatico alla colonna vertebrale

next