Prima direttrice donna del Cern di Ginevra, membro del Comitato consultivo del Segretario Generale delle Nazioni Unite e, da oggi, anche membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze: il Papa ha chiamato Fabiola Gianotti nell’istituzione erede dell’Accademia dei Lincei, nata per promuovere le scienze naturali e matematiche nell’ambito della Santa Sede.

L’Accademia è un corpo indipendente dal Vaticano, e gode di libertà di ricerca: i suoi membri vengono scelti senza alcuna distinzione di genere, etnia o religione, ma solo sulla base dei meriti scientifici e morali. Fabiola Gianotti – ricorda la Santa Sede – è nata a Roma il 29 ottobre 1960, ha conseguito il Dottorato di Ricerca in fisica sperimentale delle particelle a Milano. Dal 1994 è ricercatrice presso il Cern. Nel luglio 2012, durante il seminario che ha ufficializzato la scoperta del bosone di Higgs, lei era lì a presentare i risultati della ricerca. Dal 2016 ricopre la carica di Direttrice Generale del Cern, diventando così la prima donna ad assumere questo ruolo. È stata membro di numerosi Comitati scientifici internazionali e del Comitato consultivo del Segretario Generale delle Nazioni Unite. Ha ricevuto diversi dottorati honoris causa e premi internazionali, ed è già socio corrispondente di molte Accademie e autore o coautore di un importante numero di pubblicazioni scientifiche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’immunologa Viola: “Evitare feste e pranzi in famiglia, lì avvengono contagi. Valutare obbligo mascherine anche all’aperto”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “uno spray nasale riduce la diffusione del virus”. Lo studio inglese su una molecola artificiale

next