Secondo la presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, “l’impatto del coronavirus“, è ancora presente nella zona euro. “Le imprese hanno difficoltà, le persone perdono il posto, le prospettive sul futuro restano incerte”, ha sottolineato la presidente di fronte alla commissione economica del Parlamento europeo, sottolineando che anche se c’è stata una lieve ripresa in questo trimestre appena passato, l’incertezza continua a pesare. Parlando di proiezioni Lagarde ha sottolineato che si prevede una crescita annua del Pil del -8% nel 2020, del 5% nel 2021 e del 3,2% nel 2022. “Il Pil dell’area euro dovrebbe riprendersi ai livelli pre-crisi solo alla fine del 2022”, ha sottolineato, specificando però che “la forza della ripresa resta fortemente dipendente dall’evoluzione della pandemia e dal successo delle politiche di contenimento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bilancio Ue e Recovery Fund, ecco la proposta tedesca sul requisito dello Stato di diritto

next