“Il capitalismo neoliberista è risultato inadeguato di fronte alle crisi e alla pandemia che ci ha colpito. Si va verso una nuova fase di mercato comunitario, in cui l’economia deve andare di pari passo con la giustizia sociale“. Sono le parole del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenuto in videocollegamento al Festival nazionale dell’Economia civile di Firenze. “Il lavoro”, ha detto Conte citando Giorgio La Pira, “non può essere ridotto e mera occasione di produzione e mera fonte di reddito”, perché “è lo strumento con il quale il cittadino contribuisce al progresso morale e materiale della società”. All’inizio del proprio discorso, il capo del governo ha accennato al fatto che la tutela dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile siano inseriti nella nostra Costituzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Moncalieri, sindaco Pd appena rieletto col 65% dei voti finisce indagato per falso ideologico

next
Articolo Successivo

“Inserire sviluppo sostenibile in Costituzione”. L’appello di Conte: “Non possiamo tornare alla normalità, serve un nuovo umanesimo”

next