Era stata soccorsa dai poliziotti in piena notte, il 24 agosto scorso, mentre vagava ancora sotto choc tra le vie dei grattacieli di Milano, a Porta Nuova. Alla prima visita i medici avevano subito notato i lividi e i traumi sul suo corpo, compatibili con una violenza. Poi, grazie all’aiuto degli psicologi, è stata lei a confermare di aver subito uno stupro vicino piazza Gae Aulenti: un uomo l’avrebbe sorpresa alle spalle, presa e trascinata poco lontano per aggredirla. A poche settimane di distanza le forze dell’ordine sono riuscite ad identificarlo: si tratta di un 23enne italiano, di origini egiziane, ora in carcere con l’accusa di violenza sessuale. L’ordinanza è stata emessa dal gip Manuela Accurso Tagano su richiesta del procuratore Maria Letizia Mannella e del pm Michela Benedetta Bordieri.

Le indagini, condotte dalla quarta sezione della Squadra mobile della Questura, hanno subito un’accelerazione grazie alla descrizione che la vittima, una donna di 34 anni di origini polacche, ha fornito del suo aggressore. Decisive anche le telecamere di sorveglianza posizionate sulla piazza: stando a quanto riferiscono gli inquirenti, le immagini hanno confermato la dinamica dei fatti. Il 23enne era in compagnia di due amici quando ha visto la donna attraversare il piazzale all’ombra del grattacielo Unicredit. L’aggressione sarebbe però avvenuta più tardi, quando il giovane è rimasto da solo con la vittima. A quel punto l’ha trascinata in un prato vicino alla piazza è l’ha costretta a subire il rapporto.

Lei poi ha vagato per decine di minuti nella zona finché è stata notata da una volante della polizia. Agli agenti inizialmente ha fornito un racconto confuso, sostenendo di aver bevuto e di essere stata aggredita mentre tornava a casa. Poi, una volta arrivata alla clinica Mangiagalli, è riuscita a dare ulteriori dettagli sull’accaduto e gli esami dei medici del Soccorso violenza sessuale hanno accertato la violenza. Un’ulteriore conferma sull’identità dell’aggressore è arrivata anche grazie alle analisi sul Dna effettuate dal laboratorio di biologia della Scientifica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Travolge turisti col Suv e uccide una donna: conducente arrestato per omicidio stradale e lesioni

next