Il numero dei contagi resta stabile, dopo il nuovo picco post-lockdown toccato venerdì, con un numero di tamponi che cala di 3mila unità rispetto a ieri. Sono 1.869 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore: significa 43 in meno rispetto a quelli accertati venerdì. Dal bollettino del ministero della Salute emerge anche che sono stati effettuati 104.387 tamponi, contro i 107mila di ieri. Ci sono altri 17 morti nelle ultime 24 ore. Nessuna regione fa segnare zero casi.

Anche con una leggera frenata del numero di contagi, i nuovi ricoveri per coronavirus continuano – seppur lentamente – ad aumentare. Ad oggi ci sono 2746 pazienti in ospedale per Covid: sono 9 in più rispetto a ieri. Incremento anche delle persone che hanno bisogno della terapia intensiva: tre in più nelle ultime 24 ore, 247 in totale. Il numero complessivo di persone attualmente positive è arrivato a 48.593 (+875 rispetto a venerdì). Il ministero della Salute comunica inoltre che sono 977 i guariti dal Covid in Italia nelle ultime 24 ore: il totale dei guariti e dimessi da inizio pandemia sale a 223.693.

È la Campania la regione che oggi registra il maggior numero di nuovi casi di coronavirus, +274 in un giorno. Seguono Lombardia (+256), Lazio (219), Veneto (216), Toscana e Sicilia (+110 per entrambe) e Piemonte (+107). Undici nuovi casi di positività al coronavirus sono stati registrati nelle ultime 24 ore anche in Valle d’Aosta, dove sono stati eseguiti appena 152 tamponi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo, Capri è isolata: onde alte tre metri e collegamenti sospesi. Le immagini

next
Articolo Successivo

Covid, gli operatori 118 della prima zona rossa girano i paesi per sensibilizzare chi ancora non crede: ecco i racconti di cos’hanno visto nelle ore più drammatiche

next