Il numero dei contagi resta stabile, dopo il nuovo picco post-lockdown toccato venerdì, con un numero di tamponi che cala di 3mila unità rispetto a ieri. Sono 1.869 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore: significa 43 in meno rispetto a quelli accertati venerdì. Dal bollettino del ministero della Salute emerge anche che sono stati effettuati 104.387 tamponi, contro i 107mila di ieri. Ci sono altri 17 morti nelle ultime 24 ore. Nessuna regione fa segnare zero casi.

Anche con una leggera frenata del numero di contagi, i nuovi ricoveri per coronavirus continuano – seppur lentamente – ad aumentare. Ad oggi ci sono 2746 pazienti in ospedale per Covid: sono 9 in più rispetto a ieri. Incremento anche delle persone che hanno bisogno della terapia intensiva: tre in più nelle ultime 24 ore, 247 in totale. Il numero complessivo di persone attualmente positive è arrivato a 48.593 (+875 rispetto a venerdì). Il ministero della Salute comunica inoltre che sono 977 i guariti dal Covid in Italia nelle ultime 24 ore: il totale dei guariti e dimessi da inizio pandemia sale a 223.693.

È la Campania la regione che oggi registra il maggior numero di nuovi casi di coronavirus, +274 in un giorno. Seguono Lombardia (+256), Lazio (219), Veneto (216), Toscana e Sicilia (+110 per entrambe) e Piemonte (+107). Undici nuovi casi di positività al coronavirus sono stati registrati nelle ultime 24 ore anche in Valle d’Aosta, dove sono stati eseguiti appena 152 tamponi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo, Capri è isolata: onde alte tre metri e collegamenti sospesi. Le immagini

next
Articolo Successivo

Covid, gli operatori 118 della prima zona rossa girano i paesi per sensibilizzare chi ancora non crede: ecco i racconti di cos’hanno visto nelle ore più drammatiche

next