Nelle immagini un divertentissimo aneddoto tratto dal film documentario “Paolo Conte, Via con me” di Giorgio Verdelli, presentato e accolto con entusiasmo alla recente Mostra del Cinema di Venezia. Vincenzo Mollica racconta che Benigni rimase ammutolito nel vedere arrivare Paolo Conte accompagnato dalla bellissima moglie Egle. Siamo al Club Tenco nel 1981. Quella sera stessa Benigni salendo sul palco dedica una canzone alla moglie di Paolo Conte dichiarando “mi piace la moglie di Paolo Conte”. Pronta la risposte dello schivo cantautore che arrivato il suo turno, afferma di voler dedicare l’esecuzione del suo brano “Il Loggione” alla zia di Benigni di cui è “perdutamente innamorato”.

Il film di Giorgio Verdelli – prodotto da Sudovest Produzioni e Indigo Film in collaborazione con RaiCinema e distribuito da Nexo Digital – sarà nelle sale cinematografiche dal 28 al 30 settembre. La voce narrante è di Luca Zingaretti.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genesis 2.0, come il Jurassic Park di Spielberg ma è un incredibile documentario

next
Articolo Successivo

Il giorno sbagliato, Russel Crowe è un villain coi fiocchi da cinema horror

next