“L’intervista del professor Crisanti? Si commenta da sè”. Luca Zaia, il giorno dopo la vittoria, si permette di liquidare in quattro parole – senza rispondere – le dichiarazioni del virologo dell’Università di Padova che da Londra ha seguito i risultati delle elezioni. “I veneti hanno premiato Zaia per come ha gestito l’epidemia, con tutti i meriti e le contraddizioni del caso”, ha detto Crisanti. E ha aggiunto: “In una situazione disastrosa il presidente mi ha dato retta seguendo l’evidenza scientifica. Se non fosse stato per me, Zaia avrebbe combinato un disastro. Il 28 febbraio parlò di epidemia mediatica, poi si è preso il merito e non ho potuto tacere. L’ho trovata una debolezza umana, ma non mi sono fatto mettere i piedi in testa e ho difeso i meriti miei e dell’Università di Padova”.

Tra i due non corre più buon sangue, perlomeno da quando Crisanti provò a criticare la struttura della Sanità veneta e venne contattato per una candidatura nelle votazioni supplettive in provincia di Verona per un posto di senatore. Zaia non commenta, ma Andrea Crisanti non è stato tenero. “Sarebbe doloroso per Zaia riconoscere i miei meriti. La gratitudine è un sentimento raro che talvolta genera ostilità. Ma io sono una persona libera, dopo 25 anni all’Imperial college di Londra non devo niente a nessuno”. E la candidatura? “Mi fu offerta al Senato per il centrosinistra e il M5s, ma preferisco rimanere uno scienziato. E’ così che mi sento più utile. Magari quando andrò in pensione ci penserò, ma mancano cinque anni”. Alla domanda sulla sua collocazione politica, Crisanti ha risposto: “Sono contro le diseguaglianze e per le pari opportunità. Mi piaceva la terza via di Blair, mentre ho sofferto l’era Corbin. Sicuramente non sono di destra. In Italia trovo nel Pd un punto di riferimento, anche se è dilaniato da tante contraddizioni. Mi sento un liberal senza casa, attento alla giustizia sociale. Ho dedicato anni a contrastare le epidemie del terzo mondo”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Puglia, Emiliano strizza l’occhio al governo e al M5s: “Parliamo di programmi, con rispetto. Il blocco sociale del Sud cerca rappresentanza”

next
Articolo Successivo

Regionali Puglia, di Emiliano non ho sempre approvato la disinvoltura. Ma anche quella gli è servita

next