Non pensavamo che l’avremmo mai detto ma sì: in fondo, tutto questo non ci era mancato affatto.
Bentornati nell’Ogni Maledetto Lunedì: la vostra rubrica di fiducia e la seconda più seguita di tutta la Repubblica di Macedonia (la prima è una compilation settimanale di skills&goals di Goran Pandev). Cominciamo subito che prima iniziamo, prima finiamo.

Lunedì scorso comincia con gli strascichi de Le Classique, il derby di Francia fra Psg-Marsiglia finito 0-1 e con 14 ammonizioni e 5 espulsioni come fosse un Cerignola-Altamura qualsiasi. Sputi, insulti e risse ci hanno rallegrato l’inizio di settimana, soprattutto questo striscione su Di Maria

Martedì è la giornata delle ufficialità che contano davvero. La prima riguarda Sabrina Salerno: no, non è la notizia che tutti speriamo da 30 anni. Semplicemente dei folli in Spagna le hanno voluto dedicare una s…quadra di calcio. Esisterà la Società Sportiva Sabrina Salerno, una squadra amatoriale… vabbè ragazzi ma sta notizia non si può dare, dai. Dicevamo, una squadra con già un logo e un obiettivo dichiarato a Marca: “Una fotografia con la Salerno sarebbe più emozionante che vincere una partita”. Bene così.

Visualizza questo post su Instagram

Ad avere l’idea un gruppo di amici di Siviglia, che ha deciso di iscriversi ad un torneo amatoriale di calcio a 7 dedicando il nome della squadra alla cantante genovese. I fondatori non hanno perso tempo e hanno già creato il logo: un disegno stilizzato della Salerno, con il motto “Gloria e disordine”. “Vogliamo omaggiare Sabrina per la sua musica, per la sua bellezza e perché è apparsa nelle nostre vite proprio nel momento in cui abbiamo cominciato a dare calci a un pallone”, ha raccontato uno dei membri della società in un’intervista a Marca. La squadra ha in programma di iscriversi ad un campionato di calcio a 7 non appena riprenderanno le competizioni. Ora l’obiettivo è far arrivare la storia a Sabrina Salerno in persona: “Una fotografia con la Salerno sarebbe più emozionante che vincere una partita”.

Un post condiviso da CALCIATORIBRUTTI (@calciatoribrutti) in data:


La seconda ufficialità è che Cassano ha firmato per l’Entella. Non Antonio ma Christian, suo figlio. Cassano jr, 9 anni, giocherà per l’accademia del club ligure: sarà il primo Cassano ad entrare in accademia. E comunque Chrì, hai un’eredità pesante: quella di fare casini in ogni club, spaccare bandierine, fare il gesto delle corna e prendere un fottio di espulsioni. Vedi di non deluderci.


Mercoledì l’eroe di cui nessuno aveva bisogno e che neanche meritavamo, ma va bene così. Non sappiamo se questo qui abbia deciso di giocare a Football Manager durante il suo matrimonio, o se si sia sposato durante una partita a Football Manager. Nel dubbio, ripetiamo, EROE.


Giovedì Luis Suarez dopo aver viaggiato, studiato, fatto e superato l’esame, si è reso conto che alla fine probabilmente sarà tutto inutile. Bene Luis, ora sai che vuol dire fare l’Università in Italia. Inoltre siamo riusciti ad immortalare la reazione a caldo di Suarez appena uscito:

Visualizza questo post su Instagram

“Luis, sei contento di aver passato l’esame?” #Suarez #Juventus

Un post condiviso da CALCIATORIBRUTTI (@calciatoribrutti) in data:


Ps. Indovinate chi ha segnato il primo gol della stagione del Milan? No asini, non Krunic.

Visualizza questo post su Instagram

Indovinate chi ha segnato il primo gol in stagione del Milan. #Milan #ACMilan #Ibrahimovic #ZlatanIbrahimovic #EuropaLeague

Un post condiviso da CALCIATORIBRUTTI (@calciatoribrutti) in data:

Venerdì il giorno delle ufficialità, quelle serie: Higuain all’Inter Miami, Thiago Alcantara al Liverpool e che il Bayern è una squadra di un altro pianeta. Cioè ‘sti qua hanno giocato e vinto poche settimane fa la finale di Champions League, tutti i club rimandano il loro esordio in campionato per recuperare e loro che fanno? Giocano. E vincono. 8-0. Otto a zero. Hanno segnato otto gol. Alla prima. Contro lo Schalke. Ditemi voi.

Sabato torna il campionato più bello al mondo. No, nessuna gag tipo “è tornata la Serie B congolese”, perché non possiamo permetterci di sfottere gli altri campionati se il primo gol della Serie A 2020/21 lo stava per segnare Biraghi. Dio benedica la Var. Segna Castrovilli, vince la Fiorentina e perde il Torino. Giampaolo ♥

La sera c’è anche Verona-Roma. Sulla carta. Nella realtà non è mai esistita. Uno 0-0 in un sabato sera di fine estate. L’apoteosi. Molto meglio l’amichevole fra Lazio e Benevento, con i due fratelli Inzaghi.

Visualizza questo post su Instagram

“Pippo, ti ricordi da bambini quando mi sparivano sempre i soldi dal salvadanaio?”

Un post condiviso da CALCIATORIBRUTTI (@calciatoribrutti) in data:

Domenica si parte subito a mezzogiorno con una bella indigestione dovuta alle diagonali difensive di Pezzella del Parma che resiste un tempo ma all’ingresso del cavallone Osimhen subisce gol prima da Mertens, poi da Lollo Insigne.

Comunque facciamoci tutti un esame di coscienza se la partita più bella della prima giornata di Serie A è stata Genoa-Crotone. Destro, Pandev, Zappacosta, Pjaca. Era la combinazione di marcature che avrebbe aperto il portale del sottosopra. Neanche nei peggiori incubi.


Sassuolo-Cagliari 1-1 con Bourabia che pareggia i conti dopo la rete del Cholito e finalmente arriva sera. Juventus-Sampdoria è l’esordio vincente di Andrea Pirlo, che a fine partita si lascia andare ad un groviglio di felicità e gioia.

Visualizza questo post su Instagram

Juventus 3-0 Sampdoria. Prime reazioni a caldo. #Juventus #Pirlo #SerieA

Un post condiviso da CALCIATORIBRUTTI (@calciatoribrutti) in data:

E con la stessa espressione di Pirlo, convinti di avervi suscitato la stessa espressioni di Pirlo, l’arbitro fischia tre volte e torniamo nel nostro monolocale a bere un triste tè caldo lasciato sotto il sole e scaduto nel 2008.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riapertura stadi, Mihajlovic: “C’è voluto Bonaccini, non sembra neanche di sinistra”

next
Articolo Successivo

Chi è Dejan Kulusevski, il classe Duemila della Juventus in gol alla prima partita: la videoscheda

next