Madrid si sveglia semi-blindata, con sei distretti, nelle zone più povere e fragili, isolati. In Gran Bretagna 15 milioni di persone sono sottoposte a qualche tipo di restrizione “per evitare un nuovo lockdown” mentre oltre la metà dei dipartimenti in Francia, che ha superato i 13mila nuovi contagi per due giorni di fila e si mantiene sopra i 10mila, è dichiarato in “zona rossa” per allerta coronavirus. Motivo per cui il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato di avere firmato “una nuova ordinanza che estende l’obbligo di test molecolare o antigenico ai cittadini provenienti da Parigi e altre aree della Francia con significativa circolazione del virus” Sars-CoV-2. E la Spagna ha registrato da venerdì 31.428 nuove infezioni e 168 morti. In un’Europa che settimana dopo settimana fa fronte a un costante aumento delle infezioni da coronavirus, l’Italia continua a restare sotto i livelli di guardia, ma Speranza sottolinea che “serve grande prudenza per non vanificare i sacrifici fatti finora”. Dall’altra parte dell’oceano, gli Stati Uniti restano il paese più colpito al mondo dal Covid-19, con 199.512 vittime e 6.805.629 casi di contagio.

Francia – Cinquanta dipartimenti (in tutto sono 101, di cui 5 d’oltremare) corrispondenti alla maggioranza del territorio nazionale sono stati dichiarati in “zona di circolazione attiva del virus”. Una classificazione che permette, tra l’altro, ai prefetti di adottare misure supplementari per contenere la diffusione del virus. La mappa delle “zone di circolazione attiva” di Sars-Cov-2 comprende anche tutte le regioni della costa sudorientale, dai Pirenei orientali al confine italiano, un’ampia porzione di territorio nella regione centro-est, l’area attorno a Parigi. E da domani saranno introdotte regole più flessibili nelle scuole elementari e materne, dove tutte le classi potranno continuare la loro attività normale anche se un allievo sarà risultato positivo al tampone. L’interessato resterà a casa e i suoi compagni continueranno le attività scolastiche in attesa del suo ritorno. La chiusura di una classe potrà essere decisa soltanto a partire da 3 casi di positività. Intanto nelle ultime 24 ore sono stati 5.298 i nuovi casi positivi al Covid-19: sono la metà di ieri (erano 10.569). Sale però al 5,9% il tasso di positività. Si segnalano altre 53 vittime, che portano il totale dei decessi a 31.338. Sono stati 209 i ricoveri per Covid negli ospedali francesi, 45 gli ingressi nei reparti di rianimazione.

Spagna – Delle 31.428 nuove infezioni, il 38% (11.991) è stato registrato nella Comunità di Madrid. In totale 671.468 persone sono state infettate e 30.663 sono morte dall’inizio della pandemia.

Regno Unito – 4368 casi nelle ultime 24 ore, poco meno del picco post-estivo di due giorni fa, mentre il numero di morti cala leggermente a 11 e il totale di ricoveri nell’intero Paese si conferma di poco sopra 1000. I tamponi quotidiani sono invece 220mila circa, il livello più alto in cifra assoluta in Europa, largamente superiore a tutti gli altri grandi Paesi del continente e secondo solo alla Danimarca in rapporto alla popolazione, fino a un totale che supera adesso i 18 milioni. I professori Patrick Vallance e Chris Whitty, consiglieri del governo di Boris Johnson, hanno spiegato che il Regno Unito potrebbe tornare a ottobre a un livello di 50mila contagi da coronavirus al giorno (contro i 3900 di ieri) e di 200 morti quotidiani a novembre se il rimbalzo dei casi non verrà fermato ora. I due esperti hanno dunque indicato la necessità di restrizioni sui contatti sociali in tutte le aree del Paese dove l’indice d’infezione Rt sia di nuovo superiore alla soglia 1. Vallance ha pure additato gli esempi di Francia e Spagna, dove i contagi – più numerosi rispetto al Regno – sono riaumentati fra i ventenni per poi estendersi ad altre fasce di età e portare anche a una graduale ripresa dei decessi. Vallance ha precisato comunque che quei numeri non sono una previsione, ma quello che potrebbe accadere se la popolazione non cambia atteggiamento. Per Whitty la situazione della pandemia in Uk ha, “in senso molto negativo, svoltato” e “sta andando nella direzione sbagliata“, con un deciso aumento di contagi. “Se faremo troppo poco – ha aggiunto -, il virus andrà fuori controllo”. In più, ha aggiunto, non esiste alcuna prova a sostegno delle teorie secondo cui il coronavirus si sarebbe ‘indebolito’. “Mentre la malattia si diffonde tra i gruppi d’età, ci aspettiamo di vedere che aumentino le ospedalizzazioni e quindi purtroppo anche i decessi. Il messaggio è semplice – ha concluso -, il virus non ha cambiato la sua portata e propensione a causare malattia e morte”.

Spagna – A Madrid sono entrate in vigore le nuove misure restrittive per arginare la diffusione del Covid-19, che riguardano circa 860mila residenti. Le disposizioni comprendono l’obbligo di motivare gli spostamenti fuori dal proprio quartiere e la riduzione degli ingressi nei negozi e nei ristoranti. Le misure sono state oggetto di protesta da parte di alcuni cittadini che hanno accusato le autorità di aver colpito le aree più povere. Madrid è diventata l’epicentro del contagio, con un tasso di infezione pari a 682,57 casi ogni 100mila abitanti in due settimane, quasi tre volte la media nazionale di 267,82, e ben superiore a quella europea (76 la scorsa settimana).

Germania – 922 nuovi casi di Covid-19. A partire da giovedì, la città di Monaco di Baviera imporrà l’uso di mascherine all’interno di alcune piazze e strade del centro e in tutta la zona pedonale. Le misure entreranno in vigore se i numeri dei nuovi contagi resteranno al di sopra della soglia critica delle 50 infezioni per 100mila abitanti. Sempre da giovedì i raduni a Monaco non dovranno concentrare più di 5 persone, o più dei componenti di due famiglie, in spazi privati e pubblici. In caso di cerimonie o festeggiamenti privati, il massimo consentito sarà di 25 persone al chiuso e 50 all’aperto.

Grecia – Da oggi fino al 4 ottobre sono in vigore nuove misure: previsto un massimo di 9 persone per riunioni ed incontri al chiuso e all’aperto. Stop ai concerti e alle proiezioni nei cinema, mentre alle cerimonie (matrimoni, battesimi e funerali) può partecipare un massimo di 20 persone. Agli over 65 è raccomandato di limitare i propri spostamenti a quanto strettamente necessario, evitare il contatto con persone diverse dal loro ambiente familiare e i mezzi pubblici. Telelavoro obbligatorio al 40% per i dipendenti pubblici e privati che svolgono lavori d’ufficio o che possono essere svolti non in presenza. Viaggio di andata e ritorno dal lavoro in tre turni per il settore pubblico.

(ha collaborato Francesco De Palo)

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

L’Onu sentenzia: in Venezuela ci sono state violazioni sistematiche dei diritti umani

next
Articolo Successivo

Colombia, manifestanti scendono in piazza a Bogotà: la polizia lancia gas lacrimogeni sulla folla – Video

next