Una folla di decine di migliaia di persone accanto al palazzo reale di Bangkok, e manifestazioni simili in oltre dieci città all’estero: per il movimento anti-governativo emerso negli ultimi mesi in Thailandia, sono i giorni della definitiva consacrazione. La più grande protesta dal golpe del 2014, con slogan come “Abbasso la dittatura e il feudalesimo, lunga vita al popolo e alla democrazia”, e’ la conferma che per una crescente parte della popolazione, specie tra i giovani, il “Paese dei sorrisi” e’ completamente da rifondare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pompeo contro il Vaticano per l’accordo con la Cina: “Lo cancelli o perderà autorità morale”

next
Articolo Successivo

Patrick Zaki, una nuova lettera dal carcere: “Spero di tornare all’Università di Bologna”

next