Uomini in divisa verde e nera, agenti del regime bielorusso, arrestano una icona dell’oppisizione: Nina Bahinskaya, 73 anni, è stata fermata assieme ad altre cento donne che a Minsk hanno marciato per chiedere le dimissioni del presidente Alexander Lukashenko. Una marcia quasi al femminile, duemila circa le persone che sono scese per le strade della capitale. Il video dell’arresto e dei diversi tentativi di colluttazione con gli agenti della donna sono state pubblicate dalla piattaforma indipendente Tut.by.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

TikTok, slitta il divieto di utilizzo negli Usa: Oracle e Walmart pronte a prendere controllo. E un giudice sospende lo stop a WeChat

next
Articolo Successivo

Migranti, il naufragio nell’Atlantico e la storia di Jacklyn e Camara

next