Hanno ricevuto nella notte una segnalazione di persone sospette in un cortile di un palazzo in via Paolo Di Dono, nel quartiere Eur a Roma. Per questa ragione due carabinieri sono intervenuti nell’edificio, adibito a uffici, tentando di bloccare due uomini che si trovavano nel cortile. Uno di loro ha però reagito e colpito un militare con un cacciavite, ferendolo al costato. L’altro carabiniere ha quindi estratto la pistola d’ordinanza e ha esploso due colpi contro l’aggressore, uccidendolo. L’altro uomo, invece, è riuscito a scappare.

Secondo le prime ricostruzioni, sul luogo sono stati trovati diversi segni di effrazione. La vittima è un uomo di 56 anni, siriano, in possesso di regolare permesso di soggiorno ma pregiudicato per diversi reati tra cui per rapina, lesioni ed evasione. Il militare ferito è stato trasportato all’ospedale Sant’Eugenio per le cure del caso. È ricoverato, ma le sue condizioni non sono gravi. Sono in corso indagini per risalire al complice della vittima che è riuscito a scappare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, romani ai seggi: “Paura del Covid? Le misure adottare sono giuste. Il voto è più importante”

next
Articolo Successivo

Bergamo, via i seggi da 12 scuole. Si vota in musei e centri anziani: “Assurdo chiuderle a pochi giorni dalla riapertura”

next