L’homeschooling o educazione parentale è la possibilità di non iscrivere i propri figli a scuola, ma di farli studiare a casa, di scegliere per loro un percorso di istruzione diverso, in cui spesso i genitori si sostituiscono ai maestri.
Giorgia Petrini, imprenditrice e scrittrice, autrice del libro ”La scuola non esiste”, referente per Roma e il Lazio di LAIF, l’Associazione Istruzione Famigliare, è la mamma di Samuele, un bambino homeschooler di 5 anni. ”Noi come famiglia abbiamo scoperto l’homeschooling circa 8 anni fa – dichiara Giorgia – allora non avevamo figli, ma abbiamo capito subito che sarebbe stata la scelta più adatta per noi.”
A causa dell’emergenza Covid, nelle ultime settimane ha ricevuto molte mail e messaggi da parte di genitori interessati a questa forma di istruzione. “L’anno scorso mi arrivavano due o tre mail al mese, adesso ne ricevo anche 10 al giorno – dice – alcune sono molto sbrigative e dettate da questa emergenza”. Le preoccupazioni principali dei genitori, secondo Giorgia, sono le modalità in cui si tornerà in classe: dall’obbligo di mascherina, all’impossibilità di stare vicini, dall’entrare scaglionati alla diffidenza verso la didattica a distanza.
“C’è una condizione a mio parere di panico collettivo che non ha nulla a che vedere con l’homeschooling – aggiunge – quello che io consiglio è chiedersi perché si sta prendendo questa decisione e se si sarà in grado di mantenerla, ma soprattutto consiglio di non fare scelte dettate dalla paura di questo momento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bimbo fa il tampone e viene mandato all’asilo prima dell’esito. Poi risulta positivo: classe e insegnanti in isolamento in Brianza

next
Articolo Successivo

La protesta dei genitori della scuola del figlio di Conte: “L’apertura è stata una farsa. I ragazzi vanno a scuola una volta a settimana”

next