130 incidenti in tre mesi solo a Milano, 8 negli ultimi due giorni: per vigilare sulla circolazione dei monopattini elettrici, da tempo al centro delle polemiche, nel capoluogo lombardo arrivano sette addetti alla sicurezza, che controlleranno e informeranno i cittadini sulle regole da rispettare quando si usano questi mezzi.

Il progetto fa parte della campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza lanciata dal Comune con le sette aziende che hanno il servizio di noleggio in città: Helbiz, Bit, Bird, Lime, Wind, Voi, Dott. Gli steward saranno sette e prenderanno servizio il 24 settembre: possono fermare le persone che non rispettano il codice della strada e spiegare il regolamento di circolazione.

Le zone pattugliate di giorno comprendono il centro storico, da San Babila a Cairoli, mentre durante le ore notturne le aree più pattugliate sono quelle della movida. I report sui comportamenti degli utenti vengono poi inviati alle società che, in certi casi, possono anche decidere la sospensione momentanea dell’account, un richiamo formale o la segnalazione alla Polizia Locale in caso di grave inosservanza.

Dall’11 al 14 settembre sono state rilevate 420 infrazioni o segnalazioni principalmente sul trasporto di passeggeri (con il monopattino utilizzato da 2 persone) sulla guida sul marciapiede e sul parcheggio irregolare. “Ci rivolgiamo insieme ai cittadini, Comune e operatori, per ricordare i cittadini che il monopattino non è un giocattolo ma va usato secondo le regole – ha detto l’assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli – A Milano abbiamo quasi 6mila monopattini, un numero adeguato per la città e stiamo implementando le infrastrutture perché ci sia un utilizzo sicuro”.

Dal 1 giugno, dice l’assessore lombardo alla sicurezza stradale Riccardo De Corato, si sono verificati 130 incidenti in monopattino. L’ultimo questa mattina, che ha coinvolto un’auto e un monopattino elettrico. Il guidatore è stato trasportato al Niguarda dal 112 in codice rosso, e, continua De Corato “le sue condizioni sarebbero gravi”. Queste le parole dell’ex vicesindaco di Milano e assessore lombardo alla Sicurezza stradale, Riccardo De Corato, in merito al grave scontro avvenuto questa mattina nel sottopasso Mortirolo a Milano durante il quale, secondo le prime ricostruzioni, il guidatore del mezzo elettrico ha sfondato il parabrezza di una macchina. “Spiace apprendere quanto accaduto e spero che le condizioni dell’uomo ferito migliorino, tuttavia c’era da aspettarsi un simile episodio. Secondo i dati Areu, questo incidente è l’ottavo in meno di 48 ore. “Deve far riflettere, non si può assistere impassibili a questi continui sinistri. Bisogna al più presto sedersi attorno a un tavolo – conclude De Corato – per comprendere la necessità dell’obbligo del casco per chiunque utilizzi questi mezzi, come lo è già per i minori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Caivano, invocare ‘pene esemplari’ per il colpevole è una reazione primordiale

next
Articolo Successivo

La presenza di acido cianidrico, le esplosioni e il fumo nero: i timori per la salute dopo l’incendio al porto di Ancona

next