Con un’espressione inglese gli esperti la definiscono “swap fraud” che suona vagamente come “frode di scambio“. Ma il meccanismo della truffa è più banale e quindi molto più rischioso per i cittadini: con un sms ci si può ritrovare con il conto corrente prosciugato. E’ accaduto, suo malgrado, a un sassarese che ha visto scomparire dal conto 55mila euro, colpevole solo di aver aperto il messaggio sul cellulare. Ne dà notizia l’Unione Sarda.

E’ una particolare tecnica di phishing che anziché le email utilizza appunto i telefonini: aprendo l’sms i truffatori sono in grado di appropriarsi dei suoi dati personali, violare alcuni servizi online e tra questi delle coordinate bancarie dell’home banking. In questo caso dopo l’sms i truffatori sono andati in un centro di assistenza telefonica e hanno utilizzato un falso documento con i dati della vittima del raggiro e hanno rimpiazzato la sim con una nuova, abbinandola al suo numero. A quel punto hanno avuto accesso, tra le altre cose, anche al conto corrente online usando l’utenza come metodo di identificazione. Con qualche clic i truffatori hanno portato via dal conto 55mila euro.

Ma la polizia li ha trovati. La denuncia ha fatto scattare le verifiche e ha portato a indagare due napoletani di 44 e 47 anni. Quanto al denaro, la vittima è riuscita a recuperare al momento almeno 35mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Silvio Berlusconi dimesso dal San Raffaele. “Grazie per essere qui, è stata la prova più pericolosa della mia vita”

next
Articolo Successivo

Ciro e Maria Paola, una ‘piccola storia ignobile’

next