Hanno agito con violenza e intimidazione i quattro giovani arrestati a Marconia di Pisticci, in provincia di Matera, per lo stupro di gruppo di cui sono state vittime due ragazze inglesi di 15 anni nella notte tra il 7 e l’8 settembre scorsi. L’ordinanza è stata emessa dal gip Angelo Onorati del Tribunale di Matera che, in considerazione delle modalità con cui si sono svolti i fatti e delle condotte messe in atto, ha ritenuto sussistente il pericolo di reiterazione del reato.

Il fatto è avvenuto durante una festa in una villa alla periferia della frazione marina di Pisticci. Era stata organizzata una festa di compleanno all’americana dove chi voleva poteva entrare. Tra i partecipanti c’erano anche i quattro arrestati, che sono del posto, e durante un momento della festa hanno preso di mira le due ragazze per poi picchiarle e violentarle, a quanto pare in una parte esterna della villa.

Dopo l’accaduto, in stato di shock le due ragazze hanno chiamato l’ambulanza del 118 e sono state sottoposte alle cure del caso presso l’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, da cui poi sono state dimesse. Subito sono partite le indagini della Polizia, a cura degli agenti del commissariato di Pisticci e dell’unità investigativa della Questura di Matera.

Nell’ambito delle indagini sono state ascoltate diverse persone informate sui fatti e sono state analizzate le immagini delle telecamere di sorveglianza della villa, che inquadravano le fasi immediatamente precedenti ed immediatamente successive alle violenze sessuali, fornendo così un indubbio riscontro al racconto delle vittime.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Positiva al Covid viola la quarantena per sostenere il test d’ingresso di Medicina a Bologna. Denunciata una 19enne di Macerata

next
Articolo Successivo

Colleferro, parte la raccolta fondi per la famiglia di Willy: ecco come contribuire

next