Mettiamo che abbia ragione Matteo Salvini: i tre commercialisti di area Lega arrestati ieri dimostreranno presto la loro innocenza. Quindi hanno sbagliato i magistrati ad arrestarli? Macchè. Salvini dice pure che ha fiducia nei giudici.

E’ un caso prodigioso in cui la stima è egualmente distribuita tra i buoni e i cattivi: un po’ va agli arrestati, e un po’ a chi li ha fatti arrestare. Di questo passo Salvini, trovandosi a giudicare una rissa, tiferà un po’ per chi mena e un po’ per chi è menato. E se beccasse un razzista che insulta, un po’ sarebbe con lui e un po’ con l’insultato. Più che equidistante è quindi un perfetto equivicino.

Un colpo al cerchio, uno alla botte. Matteo, ovvero il cerchiobottista.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’istantanea – Aurelio De Laurentiis, esempio di antitaliano da mandare in esilio

next