Alle elezioni regionali e al referendum del 20 e 21 settembre potrà votare anche chi è in isolamento per Covid-19: saranno infatti istituiti seggi speciali per permettere il voto da casa o negli ospedali chi ha contratto il virus. Lo ha stabilito il Viminale per assicurare il pieno esercizio dei diritti civili e politici e, al tempo stesso, le massime condizioni di sicurezza sanitaria, anche a coloro che andranno a raccogliere il voto.

Con il decreto legge del 14 agosto 2020 sono state stabilite le modalità per consentire il voto da casa a tutti gli elettori che non possono recarsi ai seggi. Le nuove disposizioni consentono agli elettori che si trovano in quarantena o in cura domiciliare di poter votare per tutte le prossime consultazioni referendarie, regionali e comunali. Basterà farne richiesta nei tempi stabiliti dalla norma agli uffici comunali.

Il compito di raccogliere i voti è affidato alle sezioni ospedaliere, composte da personale appositamente formato. Li riceveranno attraverso i seggi speciali che si recano presso le abitazioni degli elettori. Proprio per incrementare il numero delle sezioni ospedaliere e ampliare la platea dei comuni nei quali istituirle, il decreto prevede di costituirle anche nelle strutture sanitarie più piccole, con almeno 100 posti letto, derogando rispetto al limite ordinario di 200. La scelta di affidare la raccolta del voto domiciliare alle sezioni ospedaliere è dovuta all’esigenza di garantire la sicurezza sanitaria anche nella fase dello scrutinio.

Per quanto riguarda in particolare le elezioni comunali, si applicano le disposizioni già vigenti dal 1960 per tutti gli elettori ospedalizzati, che prevedono la possibilità di votare dove ha sede la struttura medica, ma non se l’ospedale si trova in un comune diverso da quello di residenza degli elettori.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Puglia, Zingaretti al M5s: “Disperdere il voto fa vincere le destre”. Emiliano: “Si mettano da parte questioni identitarie”

next
Articolo Successivo

Elezioni Campania, Caldoro (candidato centrodestra): “De Luca vecchio comunista e sciacallo, sul Covid si prende meriti che non ha”

next