I genitori sono immigrati, non parlano bene lo svedese e non seguono le notizie locali, ma fanno riferimento alle informazioni che provengono dal loro paese d’origine, dove per contrastare la pandemia sono state imposte misure molto stringenti. Quindi, per proteggere i loro tre figli dal Covid-19, hanno deciso di segregarli per quattro mesi in casa. I ragazzi, di età compresa tra i 10 e i 17 anni, sono rimasti chiusi da marzo a luglio: non potevano neanche vedersi tra loro né uscire dalla loro stanza. Succede in Svezia, Paese che ha destato scalpore a livello internazionale per non avere imposto il lockdown: i tre ragazzi sono stati allontanati dalla famiglia. Nelle stanze dove erano confinati, i giovani consumavano anche i loro pasti, dietro ad una porta ‘sprangata’, come emerge dalla ricostruzione del tribunale di Jonkoping, nel sud del Paese. I genitori respingono le accuse e hanno annunciato che ricorreranno in appello.

(immagine d’archivio)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump vs Biden: in un’intervista tutto il senso dell’agonia della democrazia Usa

next
Articolo Successivo

Slovacchia, 25 anni al killer di Jan Kuciak e della sua fidanzata. Liberato l’oligarca Kocner, sospettato di essere il mandante

next