Erano i due enfant prodige del Movimento 5 stelle degli inizi: uno giovanissimo vicepresidente della Camera, l’altro primo sindaco eletto in una città capoluogo. Poi le strade di Luigi Di Maio e Federico Pizzarotti si sono separate: il primo capo politico, poi ministro, l’altro espulso dai vertici e primo oppositore del Movimento. Dopo anni i due sono tornati a incontrarsi e a parlarsi: non si sono dati la mano per non contravvenire alle regole Covid, ma un colpo di gomito e uno scambio di battute di disgelo.

Il ministro degli esteri Luigi Di Maio ha infatti partecipato mercoledì 2 settembre, alla fiera di Parma, a Cibus Forum. Pizzarotti lo ha accolto e accompagnato nella visita come padrone di casa, anche a dispetto delle voci della vigilia che sostenevano che avrebbe mandato il suo vice proprio per evitare un incontro con Di Maio. I due non si sono parlati in privato, ma c’è stato uno scambio di battute definite, da chi le ha ascoltate, “cordiali e istituzionali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, il No è la clava per affossare il Conte 2. Altro che difesa del parlamentarismo

next
Articolo Successivo

Berlusconi positivo al Covid, tra gli ultimi a incontrarlo Bernini e Gelmini. “E in Forza Italia qualcuno punta il dito contro Briatore”

next