“Il problema più urgente da risolvere era appunto dove collocare gli iscritti al test di Medicina di oggi in sicurezza” spiega il rettore dell’Università degli Studi di Bergamo Remo Morzenti Pellegrini che ha avuto l’idea di allestire una sede universitaria provvisoria proprio nel luogo dove nel 1630 si consumò una delle tragedie più grandi della storia bergamasca. Per tutto il mese di settembre il Lazzaretto ospiterà test di ammissione, sportelli informativa, attività di accoglienza per le matricole fino alla cerimonia della consegna dei diplomi delle lauree conseguite a distanza tra marzo e luglio con la partecipazione del Ministro dell’Università: “In questi mesi abbia­mo costruito un nuovo rapporto con gli studenti, dialogando con loro e ascoltando le loro espe­rienze – conclude il rettore – i giovani hanno bisogno di essere accompagnati e la di­dattica a distanza da sola non ba­sta, non solo per le Università”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Università, al via i test di ammissione alla facoltà di medicina senza assembramenti. A La Sapienza distanziamento e autocertificazione

next
Articolo Successivo

Marta Fascina, anche la fidanzata di Silvio Berlusconi è positiva al Covid. La deputata era in Sardegna con lui

next