Enrico Letta si schiera per il Sì al Referendum per il taglio dei parlamentari previsto per il 20 e il 21 settembre. E spiega le sue motivazioni proprio davanti alla platea del Pd. Rispondendo a una domanda durante un dibattito alla Festa dell’Unità di Modena, ha spiegato: “Voterò Sì convitamente – ha detto l’ex presidente del Consiglio – Normalmente il dibattito spinge a votare in un modo o nell’altro a seconda delle conseguenze politiche. Io invece non ho mai guardato a questa parte della questione, a me interessa la sostanza non chi l’ha proposta o se cade il governo. Se passa il Sì, si passa da 945 a 600 parlamentari. E tutte le nostre precedenti proposte in campo di riforme costituzionali prevedevano esattamente questa cosa”. Letta ha fratto poi il confronto con il resto d’Europa: “Se noi passiamo a 600 parlamentari avremo comunque un numero superiore agli altri Paesi, la Francia o la Spagna ad esempio”. E infine ha porta a sostegno della sua posizione la personale esperienza da deputato. “Ho sempre pensato che, per le attività che si svolgono alla Camera, 630 deputati sono troppi. 400 fanno benissimo il lavoro che la Camera deve svolgere”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, l’istituto Cattaneo: “Se vince il Sì rappresentanza in linea con gli altri Paesi Ue. Cosa cambia se passa anche la legge elettorale”

next
Articolo Successivo

Taglio dei parlamentari, ora Berlusconi si dice “perplesso”: “Sto ancora riflettendo. Ma a eletti e militanti lascio assoluta libertà di voto”

next