“La campagna per un no insincero è un trappolone per destabilizzare il governo”. A una settimana dalla direzione nazionale del Pd in cui si deciderà la posizione del partito sul taglio dei parlamentari e nei giorni del dibattito tra dem e M5s sul percorso necessario per equilibrare l’eventuale diminuzione di deputati e senatori, sul tavolo del centrosinistra arrivano le parole di Pier Luigi Bersani. Una riflessione che di certo farà pensare chi, all’interno di un Partito democratico ancora diviso, è ancora legato alle idee dell’ex segretario e attuale presidente di Articolo Uno. “Mi si chiede che cosa farò al referendum. Su un tema così controverso ogni opinione in famiglia è legittima e va rispettata – ha scritto sulla sua pagina Facebook l’ex ministro – Io, assieme a molti altri a sinistra, ho sempre proposto la riduzione dei parlamentari. Non certo per antiparlamentarismo, ma per l’efficienza e l’autorevolezza della rappresentanza. Tutto questo – ha continuato – naturalmente in un quadro di condizioni coerenti e necessarie. Rimango di quella idea”.

Dopo la premessa, Bersani passa alla spiegazione di ciò che intende fare nel processo di avvicinamento al voto referendario del 20 e 21 settembre: “Che cosa farò ora? Guarderò nei prossimi giorni due cose – ha spiegato l’ex leader dem – La prima sarà la credibilità del percorso. Il percorso di una nuova legge elettorale, certamente, ma prima ancora del progetto di legge Fornaro“. La legge Fornaro (dal nome del deputato di Leu), nella fattispecie, è la norma in materia di base territoriale per l’elezione di Palazzo Madama e di riduzione del numero dei delegati regionali per l’elezione del Presidente della Repubblica. Per Bersani, “lì si risolve una distorsione nella rappresentanza del Senato che ci ha già destabilizzati più volte e che con la riforma si aggraverebbe”.

Il secondo aspetto di cui parla l’ex segretario del Pd è tutto politico ed è quello che lui definisce “l’andamento del ‘trappolone‘”: “Chiamo così la campagna per un no insincero – ha sottolineato – mirato ad aprire un solco incolmabile tra 5 Stelle e sinistra, e quindi a destabilizzare il governo. Prendesse piede questa campagna che è già in corso, non mi ci arruolerei di certo”. La conclusione del post, invece, è una riflessione sul passato della sinistra che, a seguire il ragionamento di Bersani, deve essere la cartina di tornasole per l’atteggiamento che tutta la coalizione deve avere in ottica referendum di settembre: “Davanti all’appuntamento referendario – ha detto il presidente di Articolo Uno – è ovvio e sacrosanto che prevalga l’elemento costituzionale e istituzionale. Vedo tuttavia troppa noncuranza, anche in questo passaggio, di un dato politico profondo. Nella storia d’Italia – ha spiegato – tutte le volte che forze democratiche non hanno compreso di dover trasformare una controversa prossimità in un progetto e in un campo comune, hanno lasciato strada libera alle destre, da tragedia o da operetta che fossero”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

De Luca contro le regioni del Nord: “Lì nessuna quarantena obbligatoria per chi rientra ed è in attesa di tampone. Cose da pazzi”

next
Articolo Successivo

Regionali, l’appello di Zingaretti: “Gli elettori M5s? Voteranno per vincere, ne sono convinto”

next