Tamponi ad accesso diretto gratuito da questa mattina davanti all’ospedale Amedeo di Savoia di Torino. In attesa, una lunga fila di torinesi al rientro dai Paesi segnalati come a rischio dal Ministero della Salute e cioè Grecia, Croazia, Spagna e Malta. “Per giorni abbiamo chiamato invano il numero indicato dalla Regione, le strutture non erano ancora pronte. Siamo venuti a conoscenza di questo punto mobile quasi per caso” raccontano i cittadini in coda. A loro avviso non ci sono differenze tra la situazione sanitaria italiana e quella dei Paesi in cui hanno soggiornato: “Anche qui ci sono gli stessi problemi. Un provvedimento del genere andrebbe preso per tutti”. In attesa del risultato dovranno restare in isolamento fiduciario: “L’esito del test viene comunicato entro 48 ore – spiega il dottor Fabiano Zanchi, dirigente della centrale operativa territoriale – all’Amedeo di Savoia il servizio è attivo dal lunedì al sabato dalle 9 alle 12”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rubano un bus delle linee urbane per andare in spiaggia: a Taranto è caccia ai ladri

next
Articolo Successivo

Malpensa, al via i tamponi in aeroporto ma non per tutti. Regione: “Priorità a turisti stranieri e lombardi”

next