Diverse decine di migliaia di oppositori bielorussi si sono radunati in piazza a Minsk per la grande “Marcia per la liberta‘” contro il presidente Alexander Lukashenko, in quello che sembra il più grande raduno dall’inizio delle proteste. A una settimana dalla contestata sesta rielezione, una folla enorme è scesa per le strade della capitale, mettendo seriamente in dubbio la regolarità delle elezioni. Nella stessa Minsk intanto, si è tenuta anche una contro-manifestazione pro presidente: il contestato voto che lo ha eletto per la sesta volta una settimana fa presidente della Bielorussia non sarà ripetuto, ha ribadito lo stesso Lukashenko dal palco da cui ha parlato ai suoi sostenitori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Beirut, dalle case ottomane ai locali di Bourj Hammoud: città protegge quel che resta del suo patrimonio. E dalle macerie salva cani e gatti

next
Articolo Successivo

‘Indecenti’, ‘immorali’: in Egitto è caccia aperta alle influencer di TikTok

next