Questo virus “non si sta dimostrando stagionale. Se si allenta la pressione, ritorna. Potete chiamarla seconda ondata, secondo picco, nuova fiammata, come volete. Il punto è che ogni volta che si allenta la pressione, il virus ritornerà“. A sottolinearlo durante la consueta conferenza stampa da Ginevra è stato Mike Ryan, capo delle emergenze sanitarie dell’Organizzazione mondiale della sanità. Alla domanda se una seconda ondata in Europa sia possibile, ha risposto che “avremo nuove ‘fiammate‘” di Covid-19. È “inevitabile“. La chiave, ribadisce Ryan, è dunque “sopprimere, sopprimere, sopprimere”. Anche rispetto a quanto sta accadendo in questi giorni cruciale è “quanto velocemente ed efficacemente si risponde a queste ondate, tracciando contatti, circoscrivendo i focolai”. E “il vaccino – puntualizza – è solo parte della risposta”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libano, si è dimesso il governo di Hassan Diab: “L’esplosione è il risultato della corruzione endemica”. Sale a 220 il numero delle vittime

next
Articolo Successivo

Yemen: le piogge torrenziali distruggono le case di fango di Sana’a, patrimonio Unesco “salvato” dalla guerra. Il video

next