“Non respiro, per favore, non respiro”. Una supplica ripetuta per minuti, senza che nessuno l’abbia presa in considerazione. Se ne è andato così John Neville, detenuto afroamericano di 56 anni. Sopra di lui in una cella minuscola c’erano 5 agenti del penitenziario della contea di Forsyth in North Carolina, dov’era finito per aver aggredito una donna.

La morte dell’uomo risale al 2 dicembre 2019, i filmati sono stati diffusi solo nei giorni scorsi, su richiesta della famiglia dell’uomo. Neville è morto il due giorni dopo, il 4 dicembre, per le conseguenze di quel trattamento: l’arresto cardiaco che ha bloccato l’afflusso di sangue al cervello. Cinque agenti e un’infermiera sono accusati di omicidio colposo.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Beirut, guerriglia urbana contro il governo nel “sabato della rabbia”: centinaia di feriti, morto un agente. Sgomberato il ministero degli Esteri dopo l’assalto

next