Ha tentato di nascondere l’infortunio di un operaio pagato in nero dichiarando di averlo investito. Denunciati dai carabinieri di Somma Vesuviana per simulazione di reato e lesioni colpose un imprenditore edile di 40 anni, insieme con lo zio medico 68enne e un parente di 47 anni, tutti e tre residenti a Marigliano e incensurati. La vittima dell’incidente è un operaio di 60 anni di Brusciano, ricoverato con vari traumi in prognosi riservata nell’ospedale Santa Maria della Pietà di Nola.

Dopo averlo accompagnato all’ospedale, l’imprenditore aveva dichiarato di averlo investito per strada e aveva convocato come testimone un parente di 47 anni. È stata la vittima che, dopo aver assecondato la storia del datore di lavoro, ha deciso di raccontare come erano andati veramente i fatti, rivelando di essere caduto da un’impalcatura mentre lavorava nel cantiere in cui prestava servizio in nero per conto del 40enne. Il cantiere, situato a Marigliano, nel Napoletano, è stato sequestrato mentre la vittima rimane in prognosi riservata all’ospedale del Mare di Napoli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, 3 positivi su 4 nel centro di accoglienza di Casier. Numeri raddoppiati in una settimana: “Distanze e isolamenti impossibili”

next
Articolo Successivo

Cassa integrazione, l’Italia chiede 28 miliardi di prestito alla Ue. Nel decreto agosto altre 18 settimane di ammortizzatore

next