Dopo aver perso cinque figli, mi era nata una bella bambina che si chiamava Elisa, ma è morta dopo pochi giorni“. È un fiume in piena Rosanna Lambertucci, nel salotto di Io e Te su Rai 1, e lascia letteralmente senza parole il conduttore Pierluigi Diaco. La giornalista ha ripercorso in tv i momenti più drammatici della sua vita, raccontandoli a cuore aperto. “Mi sono sposata molto giovane — ha spiegato — e sono stata costretta a visitare spesso gli ospedali come protagonista, a causa di gravidanze che andavano male. Dopo aver perso cinque figli, mi era nata una bella bambina che si chiamava Elisa, ma è morta dopo pochi giorni”.

Ma non è tutto. “Sono entrata in Rai da raccomandata. All’epoca c’era come direttore generale Ettore Bernabei. Il mio patrigno era il capo della Procura di Roma, un uomo molto importante. Io avrei potuto lavorare nell’azienda di famiglia, ma avevo bisogno di trovare la mia strada e dissi che mi sarebbe piaciuto lavorare in Rai. Ma ti do la mia parola che, dopo quel giorno, non mi ha più aiutata nessuno”, ha rivelato ancora Rosanna Lambertucci. Una confessione che ha spiazzato Diaco: “Ti ringrazio perché sei la prima conduttrice ad ammettere di essere entrata in Rai da raccomandata”. Poi ha voluto togliersi un sassolino dalle scarpe: “Tu lo capisci perché una Rosanna Lambertucci non ha più spazio in Rai? Sapessi quanta gente mi ferma per strada e mi chiede di tornare in Rai, ma non dipende da me”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anna Falchi su Rai1: “Oggi sono senza pudore…già da piccola nascondevo il mio slip sotto la sabbia”

next