Un nuovo caso di abuso da parte della polizia americana, questa volta è accaduto in Colorado, ad Aurora. Una pattuglia ha notato una macchina, da un rapido controllo della targa il veicolo è risultato rubato, scatta la procedura di rito: auto fermata e sospetti costretti a sdraiarsi a terra. A bordo non c’erano dei pericolosi gangster ma due sorelle afroamericane con le loro quattro figlie di 6, 12, 14 e 17 anni. Le bambine urlano e piangono, sono impaurite e non capiscono cosa sta accadendo: vengono tutte ammanettate (tranne le due più piccole).

Il video ha iniziato a circolare in rete suscitando l’indignazione del pubblico, soprattutto quando si è scoperto che gli agenti hanno commesso un errore: l’auto non era affatto rubata, sono stati tratti in inganno dalla targa, identica a quella segnalata, ma di un altro stato. Tante scuse, ma resta l’indignazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Colombia, decisione senza precedenti: arrestato l’ex presidente Alvaro Uribe per corruzione. È stato trovato positivo al Covid

next
Articolo Successivo

Ohio, va a messa e contagia più di 90 persone. Governatore: “Covid si è diffuso come un incendio”. E anche lui è positivo

next