Case e uffici sono distrutti. I vetri delle finestre sono esplosi e diverse porte scardinate. Sono le prime immagini che arrivano dagli edifici di Beirut dopo l’esplosione che ha distrutto la città scaturita con ogni probabilità dal “nitrato di ammonio immagazzinato nel porto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Beirut devastata dall’esplosione: visi insanguinati, urla e strade scomparse. La disperazione di una città senza pace

next
Articolo Successivo

Beirut, oltre 135 morti e 5mila feriti: “300mila persone senza casa”. Governo: “Arrestare i responsabili dello stoccaggio del nitrato al porto”

next