In un video apparso sui social viene mostrata dal tetto del magazzino di fianco a quello esploso la potenza della deflagrazione che nel tardo pomeriggio ha devastato la città di Beirut. Nelle immagini si vedono prima le fiamme con dei piccoli scoppi, poi il boato e l’esplosione. L’autore del video viene sbalzato lontano, poi l’immagine si interrompe. Secondo fonti dell’intelligence occidentali si è trattata dell’esplosione in un hangar di armi di Hezbollah, mentre il ministro dell’Interno del Libano ha parlato più genericamente di una “possibile causa il nitrato di ammonio immagazzinato nel porto”, utilizzato tra le altre cose anche per produrre armi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Esplosione a Beirut, oltre 70 morti e 3700 feriti. Devastazioni per chilometri. Il governatore: “Città distrutta”. Il ministro dell’Interno: “Possibile causa il nitrato di ammonio immagazzinato nel porto” – Video e foto

next
Articolo Successivo

Beirut devastata dall’esplosione: visi insanguinati, urla e strade scomparse. La disperazione di una città senza pace

next