La navicella della missione spaziale SpaceX di Elon Musk ha toccato le acque del Golfo del Messico in perfetto orario previsto, dopo essere rientrata nell’atmosfera e aver aperto i suoi paracadute, senza incontrare alcun problema. Il pilota Doug Hurley ha dichiarato via radio “È un onore e un privilegio”, prima che il segnale diventasse disturbato, per poi interrompersi. Si è trattato del primo ammaraggio di un veicolo spaziale Usa dal 1975, in occasione della missione Apollo-Soyuz. Robert Behnken e Doug Hurley hanno impiegato 19 ore a tornare a terra da quando Space X si è staccata dalla Stazione spaziale internazionale. Erano partiti il 30 maggio a bordo del primo lancio di un veicolo commerciale verso l’orbita. La missione, chiamata Demo-2, è anche stato il primo lancio di astronauti effettuato dal suolo americano dopo 9 anni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, via libera dell’Agenzia italiana del farmaco alla sperimentazione del vaccino prodotto da Reithera su 90 volontari sani

next
Articolo Successivo

SpaceX, primo ammarraggio da 45 anni. Così Elon Musk ha “salvato” gli Usa dalla dipendenza dalla Soyuz russa

next