Respinta la ricusazione il Csm probabilmente dovrà affrontare un nuovo affondo per lasciare fuori dal processo disciplinare a carico di Luca Palamara Piercamillo Davigo. Il dottor Sottile di Mani pulite, fondatore di Autonomia e Indipendenza corrente di destra delle toghe, compie 70 anni in ottobre e dovrà come tutti i magistrati andare in pensione. Secondo Magistratura democratica, la corrente di sinistra delle toghe, questo dovrebbe comportare la sua decadenza dalla carica di consigliere del Consiglio superiore della magistratura e da giudice disciplinare contro il pm di Roma, protagonista dell’inchiesta giudiziaria di Perugia che ha svelato le manovre per influire sulle nomine degli uffici giudiziari. Magistratura democratica, che al Csm è una delle componenti del gruppo di Area, su questo tema si prepara a dare battaglia. Ma come riporta Repubblica Davigo sarebbe in botte di ferro perché l’articolo 104 della Costituzione recita: “I membri elettivi del Consiglio durano in carica quattro anni e non sono immediatamente rieleggibili”.

Ad affrontare il caso Davigo, in un articolo su Questione Giustizia, è stato il direttore della rivista, Nello Rossi, che è stato componente del Csm e autorevole esponente dell’Associazione nazionale magistrati. E a scrivere in maniera netta, che se Palazzo dei marescialli, dopo il pensionamento di Davigo, gli desse la possibilità di portare a termine il giudizio disciplinare a carico di Luca Palamara, “destinato a concludersi dopo il suo pensionamento”, sarebbe una decisione “sbagliata e incomprensibile” . Una scelta che si porrebbe “in netto contrasto con la legalità e la funzionalità dell’organo e con le esigenze di rappresentatività e di legittimazione che devono caratterizzare l’attività del Consiglio Superiore e in particolare modo della Sezione disciplinare”.

In base alla legge elettorale del Csm “chi è eletto al Consiglio da tutti magistrati in servizio deve essere a sua volta un magistrato in servizio“, spiega Rossi. E la cessazione dello status di magistrato produce “l’automatica decadenza dalla carica di consigliere superiore”. Si tratta di norme e principi che hanno anche una ragione pratica, perché diversamente si verrebbe a determinare una situazione “anomala”. “Un ex magistrato non è più soggetto alla giurisdizione disciplinare”, che può essere esercitata “esclusivamente nei confronti dei magistrati in servizio”: sarebbe dunque “libero dai fondamentali doveri propri del magistrato ed esente da ogni possibile sanzione disciplinare per la loro violazione” e nello stesso tempo come giudice disciplinare “sarebbe chiamato a giudicare magistrati in servizio o fuori ruolo e gli stessi componenti togati del Consiglio ancora sottoposti alla giurisdizione disciplinare“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Appalti truccati nell’esercito, il gip: “No a misure cautelari per 2 colonnelli”. Condotta “corretta” nella fornitura di tende da 9 milioni

next
Articolo Successivo

Bologna, a 40 anni dalla strage “la luce in fondo al tunnel della verità. Dopo i mandanti ed esecutori bisognerà individuare gli ispiratori politici”. L’inchiesta sui mandanti massoni della P2 apre nuovi scenari

next